Consiglio Direttivo

Franco Cenobi Franco Cenobi
Presidente CIAR
Vincenzo Betti Vincenzo Betti
Vice Presidente CIAR
Salvatore Bonetti Salvatore Bonetti
Consigliere
Gian Piero Ventura Mazzuca Gian Piero Ventura Mazzuca
Consigliere
Giampaolo Celon Giampaolo Celon
Consigliere
Roberto Libè Roberto Libè
Consigliere
Gennaro De Falco Gennaro
De Falco

Consigliere
CANTO QUARTO PDF Stampa E-mail
CANTO IV
(IL RUGBY È PACE.  SOGNO DI RUGBY)


1.    E ora, giovane o meno giovane
2.    allievo, se mi leggi e mi sfogli
3.    E dai vita al mio verso che muore,
4.    Come ogni parola in mancanza di ascolto,
5.    Uguale a un mare nel quale nessuno
6.    Si bagna e che continua ad esistere sì,
7.    Ma è come se non esistesse perché,
8.    Se nel conoscere viene a mancare
9.    Il soggetto pensante che viene al
10.    Reale e gli dona il senso, la vita,
11.    Il tempo percepito, l’accento udito
12.    E non solo pronunziato dal labbro
13.    Lasciato lontano nel regno dell’essere
14.    Non conosciuto, consanguineo a quello
15.    Dell’essere senza l’esserci ora e di qua,
16.    Quasi privo d’esistere e di vita reale
17.    È qualunque reale, perfino un concreto
18.    Momento di gioco vissuto sul campo,
19.    Un verso, un racconto, un lungo romanzo.
20.    Lasciare gli altri nella solitudine,
21.    Verso o persona o luogo che ci siano,
22.    Privarli della conoscenza è come
23.    una morte reale a metà donata,
24.    Senza intenzione e volontà d’uccidere.
25.    Infatti tu vedi come le umane
26.    Biblioteche sembrano tutte loculi
27.    Sepolcrali, ma quando la tua mano,
28.    Pietosa e amorosa d’apprendere
29.    Tira fuori il volume giacente nella
30.    Bara, tu diventi un Cristo pietoso
31.    Gnoseologico che regala vita
32.    E dice a Lazzaro di venire fuori
33.    E inizia l’atto d’amore di coppia
34.    Scientifica: l’amante che legge e
35.    L’amato che è letto, ma si scambiano,
36.    In delirio continuo ininterrotto,
37.    I ruoli, come in ogni vero amore,
38.    E la pagina letta, penetrata
39.    dallo sguardo dell’appassionato
40.    Lettore, si muta in donna avvolgente,
41.    Propulsiva, attiva con chi le dà vita
42.    E gli restituisce vita e, nell’amore
43.    Scientifico, nascono, delicate figlie
44.    di passione, nuove idee creative,
45.    Grazie agli incontri discreti, segreti
46.    Nelle alcove delle biblioteche.
47.    Sta attento lettore a colui che dice
48.    Che sport è evasione da ogni problema
49.    E calcare il terreno del campo di
50.    Rugby sarebbe come obliare le
51.    Sofferenze del mondo, il dolore.
52.    Ma il rugby è arte sublime e, come
53.    Il poeta, fuggendo dal mondo lo intende
54.    E lo ama di più, così il rugbista,
55.    Disceso nel campo è già aperto a
56.    Tempi migliori e in questo sport
57.    Scacchistico si forgia l’uomo, la donna
58.    Migliore che chiede vittoria solo
59.    Per lo sforzo profuso e respinge, con
60.    Decisione caparbia, la normale
61.    Raccomandazione ed accetta sconfitte
62.    Con forza e misura e sa, sempre leale,
63.    Combattere per gioco con l’ultimo
64.    Avversario atteso e voluto come amore.
65.    O diventasse il mondo, per metà almeno,
66.    Un campo di pace di rugby, immenso!
67.    E Americani e Russi o Giapponesi
68.    Potessero soltanto scontrarsi con
69.    Pack di giganti e con veloci atleti,
70.    E fossero, allora, distrutti missili
71.    Nucleari e le bombe maligne
72.    Dell’atomo ed il mondo si dividesse
73.    Solo per pensare come sia meglio
74.    Giocare nel rugby, passare o calciare,
75.    O come inventare giocate di sogno.
76.    E come vorrei, con gioia, vedere
77.    Giovani a milioni correre alla meta
78.    E sconfiggere le novelle violenze
79.    Ed ogni barbarie e le droghe mortali.
80.    Lo sport scacchistico, il rugby
81.    Ha sempre uniti i cuori della gente
82.    Divisa e la forte Inghilterra accetta
83.    Di giocare a Dublino capitale
84.    Dell’Irlanda che gioca, pur divisa
85.    Per Stati, in una sol nazionale.
86.    Ed alla fine della partita sentita,
87.    L’applauso non guarda a corona o a
88.    Repubblica, ma è solo intier destinato
89.    A quello che meglio aveva giocato.
90.    E così il divino Maoro sa violare
91.    La meta avversaria sul campo africano
92.    Diviso da mille problemi ed unito
93.    Dall’ovale pallone e dai pali infiniti.
94.    E dovunque nel mondo si ripete
95.    Negli anni l’abbraccio religioso
96.    Di diversi e tutti nel rugby imparano
97.    A sperare che si possa stare in
98.    Pace e fratellanza e buttare via
99.    La paura del terrore nucleare
100.    Con la corsa divina nell’area di
101.    Meta, oltre i pali, oltre il nostro orizzonte.
102.    Intendimi amante lettore, lettrice,
103.    Niente ci rende perfetti, neanche lo sport
104.    Del rugby, restiamo rinchiusi, racchiusi
105.    Nella nostra fragilità d’umani,
106.    Unica nostra forza e illudersi
107.    Di rifondare la nostra natura
108.    Comportò rimedi peggiori dei mali.
109.    Ma si possono, anche col rugby,
110.    Evitare i mali peggiori, si può
111.    Cancellare la morte per fame di
112.    Tanti innocenti, ma restano nei cuori,
113.    Sempre incancellabili i sentimenti
114.    Umani e può sorgere sempre
115.    Il male, come l’errore sul campo,
116.    Figlio della nostra stanchezza,
117.    Delle nostre miopie e anche di quei
118.    Limiti che ci fanno fratelli
119.    Anche in tanti posti lontani tra noi.
120.    L’allenatore, l’educatore di rugby
121.    È educatore di pace, maestro di
122.    vita morale, ispirata, però, a sobri
123.    Principi universali estranei ad ogni
124.    Violenza, perfino a quella basata
125.    Sull’offesa verbale ed ostile all’anima
126.    Oltre che al fisico d’ogni nato da donna.
127.    L’educatore di rugby è padre,
128.    Non paternalistico, né assistenzialistico,
129.    Ai suoi atleti, alle sue atlete,
130.    È un fratello diverso non consanguineo,
131.    È amico asimmetrico non demagogico,
132.    Capace di dire dei “no” motivati,
133.    Giusti, equilibrati, mai figli di capriccio
134.    Momentaneo, umorale e rispettosi
135.    Della sacralità dell’umana persona.
136.    Chi calcò l’erba del campo mostrò,
137.    Poi, nella vita che la linea di meta
138.    Si può sempre toccare come sogno
139.    Divino e, perfino, speranza, certezza
140.    D’essere, dopo atleta leale, cittadino
141.    Esemplare sui campi della vita.
142.    Ci sono sere nelle quali il letto
143.    Mi è nemico ed il sonno s’attarda
144.    Troppo a venire e mi annunzia che
145.    L’alba è vicina ed allora in quegli
146.    Istanti fugaci, quando si confonde
147.    Il reale e tutto è infinito e la vita
148.    E la morte si scambiano il braccio,
149.    Io resto travolto, ma non sconvolto
150.    Da una danza di sogno di rugby
151.    E vedo, sotto stelle sideree lucenti,
152.    I pali di rugby lasciare il terreno
153.    E volare librati nel cielo e
154.    Danzare nell’aria notturna con tanti
155.    Ovali palloni ancor più bizzarri
156.    Del solito: quello è il momento
157.    In cui le due acche viventi,
158.    Incrociandosi nel cielo notturno
159.    Del sogno, disegnano un pentagramma
160.    Sul quale si posano gli ovali palloni
161.    E odo note sublimi e rivedo le
162.    Grandi partite passate e quelle giocate
163.    E ripenso al gioco del rugby
164.    E sento, nel cuore un po’ triste,
165.    Il futuro in cui sparirò e mancheranno
166.    All’appello i miei tanti fratelli, ora
167.    Anche sorelle di rugby e sapremo noi
168.    Tutti l’essere senza esistere,
169.    Ma, sui campi di rugby, sarà sempre
170.    Presente indelebile l’orma di chi vi
171.    Giocò, anche quando le frequenti piogge
172.    Crudeli s’illusero, folli, d’averla
173.    Cassata. E quando dinanzi ai miei occhi,
174.    Mai stanchi di rugby, mai sazi di azioni
175.    Creative, fantastiche, imprevedibili,
176.    Ho questo sogno fugace e sento
177.    Musiche dolci, ricordo i momenti migliori,
178.    Capisco in un attimo che solo nel rugby
179.    C’è sempre uno spazio importante
180.    Per la persona che vive e sa amare.
181.    Sublime è essere giocatore di rugby,
182.    Ma quando i grigi capelli ti dicono
183.    Che devi lasciare l’entrare in campo,
184.    Che tu sia allenatore, o un prezioso
185.    Massaggiatore, o dirigente equilibrato
186.    E, perfino, soltanto spettatore educato,
187.    Che educa i nuovi a come vedere
188.    Uno sport nuovo per loro,
189.    O arbitro, o scrittore, cronista sportivo,
190.    Perfino chi stacca i biglietti,
191.    Tu appartieni al gran coro del rugby,
192.    Ed ancora tu giochi e non si muore mai,
193.    Neanche quando ci tocca lasciare la
194.    Sponda di vita e iniziare quel viaggio
195.    Segreto per l’ignoto orizzonte.
196.    Forse allora di noi resta solo quello
197.    Che al rugby demmo, all’amore
198.    Dopo che ricevemmo dal rugby stesso
199.    Una nuova e precisa educazione
200.    Di vita che ci fece diversi, migliori
201.    E tanto più umani senza scadere
202.    In una esoterica visione dei
203.    gruppi che credono d’essere tetragoni
204.    ai possibili errori o pretendono
205.    Di rifondare l’umana natura.
206.    Non pensare, fratello di rugby e d’età,
207.    Che nel mio cuore manchi nostalgia
208.    Per quei giorni lontani quando iniziai
209.    A sapere che esisteva davvero
210.    Quel nuovo pianeta del rugby,
211.    Sul mio orizzonte di vita giocato
212.    Sul campo e ricordo la giovinezza
213.    Rugbistica sempre e so che è bello
214.    Stare a pensare su ciò che sarà per
215.    Il figlio o l’amico, ma niente mi manca
216.    Più della partita, vissuta stando
217.    Tra i trenta atleti e compagni di gioco.
218.    Perciò, giovane atleta, cogli, senza
219.    Esitazione, questa grande occasione
220.    Di gioco e di vita e affronta con essa
221.    La parte di vita migliore, i giovani
222.    Giorni e fa di una partita la fotografia
223.    Di luce della giovinezza che passa.
224.    Ma chiuso il ciclo di gioco, è sempre
225.    Sublime concorrere al gioco, anche chi
226.    Incolla al muro modeste locandine,
227.    Del piccolo incontro tra due licei
228.    Agguerriti, gioca accanto agli atleti
229.    E, nella meta sgusciante del centro
230.    Preciso o dell’ala di terza o d’un forte
231.    Pilone, o di una linea seconda che
232.    Sfonda, oppure dei due furbi mediani,
233.    Delle ali-cavallo e dell’estremo inserito,
234.    C’è pure il suo forte passaggio,
235.    Fatto non più col pallone, ma con
236.    L’organizzazione creativa che rese
237.    Sì eccelso il modello di vita di rugby
238.    Della grande Inghilterra che, poi, dette
239.    Vita ai Maori, allievi di ieri che spesso
240.    Superano i loro maestri, ricordando
241.    E applicando l’adagio del gran Leonardo:
242.    Cattivo è l’allievo se non sa superare
243.    Chi gli insegnò a conoscere il nuovo.
244.    A tal punto eccelsero i lontanissimi
245.    E grandi Maori che furono da tutti
246.    Chiamati i signori del rugby totale.
247.    Lo riconosci subito questo gran
248.    Rugby, sul campo quando vedi
249.    un movimento dei giocatori
250.    Direttamente impegnati e pure di quelli
251.    Non inseriti nella fase immediata,
252.    Ma già si muovono prevedendo la
253.    Successiva evoluzione del gioco,
254.    Pronti a cogliere sviluppo e varianti,
255.    Senza differenza di maglia, di numero
256.    E ruolo. Allora una divina ala,
257.    Girandosi indietro dopo il dono
258.    Prezioso di una palla veloce,
259.    Ritrova non solo i compagni vicini
260.    In sostegno immediato, ma anche,
261.    Ad intervallo carnale le sue tre
262.    terze linee e, poi, le seconde e, poco
263.    Più indietro, granitici e forti piloni,
264.    Con il fratello minore, l’audace
265.    Talloner; e se l’azione si evolve
266.    Sulla linea di touche di destra,
267.    C’è subito, un poco più al centro,
268.    La doppia mediana, i gemelli e,
269.    Poi, rotolante la linea dei centri e s’arriva
270.    Alla terza e quarta fase di gioco
271.    E il pallone mai cade su terra
272.    Ed i maul ed i ruck intervallano
273.    La sinfonia del rugby totale e,
274.    Da lievi incidenti al percorso,
275.    Divengono splendide occasioni
276.    Per allargare i mantici dell’organo
277.    Rugbistico; oggi però, all’inizio
278.    Del terzo millennio si assiste all’oblio
279.    Del ruck intelligente e tu vedi
280.    Atleti, anche Maori, che si buttano
281.    a terra per impostare il ruck, dimentichi
282.    Che il giocatore disteso per terra,
283.    Anche in ginocchio non partecipa al
284.    Gioco e l’avversario potrebbe
285.    Con astuzia scavalcarlo e riprendere
286.    La palla, per assenza di raggruppamento,
287.    Possibile solo tra giocatori ben saldi
288.    All’impiedi. Oggi occorrerebbe ridare
289.    La vita a una regola antica cassata
290.    Da chi è solo potente non solo sul campo,
291.    Il tenuto all’impiedi per cui il portatore
292.    Di palla, inviluppato in un raggruppamento,
293.    Se non faceva subito vivere la palla,
294.    Ma subito significa meno d’un attimo,
295.    Veniva punito con un calcio piazzato,
296.    Non con una semplice mischia com’ora,
297.    Ma solo dopo un maul a vantaggio
298.    Di chi non bloccò il gioco. Il rugby
299.    Potrebbe morire se fosse ridotto
300.    Solo a spinte e se la squadra leggera
301.    Di peso non avesse la possibilità
302.    Di vincere con l’intelligenza di Ulisse,
303.    Non con la forza prepotente d’Achille.
304.    Ma la regola assurda che vieta la
305.    Finta al mediano di mischia da mischia,
306.    Da maul e da ruck sembra scritta
307.    Per impedire ai creativi del campo,
308.    Agli Ulisse di vincere contro l’Achille,
309.    Che strazia per sempre Ettore troiano
310.    Per la regola scritta del fato, rigido
311.    Come sta diventando il regolamento
312.    Di gioco, sempre più complicato,
313.    Sempre più lontano dai semplici accenti
314.    Di Arnold e la burocrazia rischia
315.    Di rendere noiosi gli incontri più
316.    Che ti avvicini alla base dei praticanti,
317.    Dilettanti dai quali, ovviamente,
318.    Emergono i grandi campioni che
319.    Rendono piacevoli anche regole brutte.
320.    Ma chiusa questa necessaria polemica
321.    Fraterna, illuso che l’eco possa arrivare
322.    Ai legislatori supremi di questo
323.    Magico sport, ricordiamo come nacque
324.    Il rugby totale, gran gioco che fece
325.    Chiamare dai giornali di allora
326.    “All Backs”, cioè “tutti indietro e mai in
327.    Fuorigioco”, ma, poi, per piacevole errore,
328.    Dovuto allo splendido nero,
329.    Tagliato dalla foglia di felce
330.    D’argento, delle splendide maglie
331.    Di Nuova Zelanda e maore, si scrisse
332.    “All Blacks”, cioè “tutti neri” per quella
333.    Consonante elle sfuggita di più
334.    Al correttore di bozze britannico.
335.    Da allora, l’inizio del ventesimo
336.    Secolo, la danza aca di guerra,
337.    Selvaggio momento di gran civiltà,
338.    Passò per il polo e disse al mondo stupito
339.    Che era già nato il futuro del rugby,
340.    IL RUGBY TOTALE immortale che
341.    Rischia la morte se ucciso da lacci
342.    Ammuffiti che rallentano il gioco
343.    Del rugby, figlio della velocità
344.    Che giace sempre in amplesso gioioso
345.    Col genio creativo imprevedibile,
346.    Ostile solo alla noia, crudele
347.    Assassina di tutti gli sport e anche
348.    Dell’arte sublime del gioco del rugby.
 

Notizie

MONDIALI RUGBY 22/09/2019 ITALIA -NAMIBIA ORE 16,15 *** 29/09/19 ITALIA CANADA ORTE 8,45 *** 04/10/19 ITALIA -SUDAFRICA ORE 10,45 *** 12/10/19 ITALIA NUOVA ZELANDA ORE 05,45 ***

Link consigliati



Per il proprio link in questa sezione inviare mail a: info@ilciar.it


Facebook logo

Visita la nostra pagina anche su Facebook!